Contributi

Assistenza economica
Si attua attraverso interventi che consentono alle persone con disabilità di far fronte alle esigenze ordinarie, se sono in condizione di povertà economica, o di essere aiutate nel realizzare progetti mirati e temporanei.
Gli interventi sono:

  • temporanei: in attesa della pensione di invalidità e/o dell’indennità di accompagnamento;
  • straordinari: per il soddisfacimento di bisogni essenziali;
  • integrazione retta: per l’accoglienza in strutture residenziali;
  • parziale copertura di spese: per la realizzazione di progetti socio-educativi personalizzati o di assistenza domiciliare indiretta.

La richiesta viene valutata da una commissione e l’entità del contributo viene definita in base alla situazione economica personale e socio-familiare del richiedente. Il sostegno economico è rapportato al reddito del nucleo familiare.

Contributo per spese di trasporto individuale 
Si tratta di una integrazione alle spese di trasporto sostenute da cittadini con problemi motori per il raggiungimento della sede di lavoro, scolastica e di riabilitazione.
L’intervento è rivolto alle persone con difficoltà motorie, in possesso di verbale di invalidità civile o che devono essere sottoposte a particolari trattamenti terapeutici (es: chemioterapia, radioterapia), che siano impossibilitate ad utilizzare i mezzi pubblici, e che, per raggiungere la sede di lavoro, scolastica o di terapia, utilizzino mezzi propri o il taxi.
Per accedere a tale servizio i cittadini devono rivolgersi all’Ufficio Trasporti Disabili, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00  alle ore 12.00.
ZONA 1   Largo Treves 1                     tel. 02 88463090
ZONA 2   Largo Treves 1                     tel. 02 88463090
ZONA 3   Largo Treves 1                     tel. 02 88453386
ZONA 4   Via Barabino 8                     tel. 02 5398027
ZONA 5   Via Barabino 8                     tel. 02 5398027
ZONA 6   Largo Treves 1                     tel. 02 88453386
ZONA 7   Via Anselmo da Baggio 54    tel. 02 48920073
ZONA 8   Via Colleoni 8                      tel. 02 3452310
ZONA 9   V.le Zara n. 100                   tel. 02 88462811

Contributo per abbattimento barriere architettoniche
Il contributo è previsto dalla legge n.13/89 a favore dei portatori di handicap per la realizzazione di interventi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche che si trovano in edifici privati, costruiti prima dell’entrata in vigore della legge medesima. 
La domanda su opere non ancora realizzate, deve essere presentata entro l’1 marzo di ogni anno dal portatore di handicap (o da chi ne esercita la tutela o la potestà) per l’immobile nel quale egli ha la residenza abituale e per opere che eliminino ostacoli alla sua mobilità.
La domanda deve contenere:

  • descrizione – anche sommaria – delle opere
  • spesa prevista
  • dati del soggetto avente diritto al contributo, cioè chi sostiene le spese per la realizzazione dell’opera; nel caso in cui le spese siano eseguite dal condominio occorre indicare il nominativo dell’amministratore, che controfirma la domanda per conferma e adesione.

Entro 30 gg. dalla scadenza del termine di presentazione delle domande, il Comune forma un elenco delle richieste selezionate e lo pubblica all’Albo Pretorio (C.so di Porta Romana n.10). 
Il Comune si accerta sia della conformità dell’opera rispetto alle indicazioni contenute nella domanda sia dell’effettiva realizzazione dell’opera e provvede all’erogazione del contributo direttamente al richiedente. L’erogazione del contributo avviene al momento del ricevimento degli importi dalla Regione, che effettua una ripartizione del Fondo Nazionale fra i Comuni interessati.

Per informazioni:
Ufficio Contributi Barriere Architettoniche
via G.B. Pirelli, 39 – secondo piano corpo basso – stanza n.14
Orario: mercoledì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00

Per informazioni telefoniche:
Tel. 02.884.66741 / 66797 nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00

N.B.
La pubblicazione della graduatoria rappresenta la richiesta ufficiale che il Comune fa alla Regione del fabbisogno necessario per l’anno di riferimento: si prega di non considerare il momento della pubblicazione della graduatoria come il momento a partire dal quale i fondi sono già disponibili presso il Comune.

Contributo per acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati
La Legge Regionale 23/99 – art. 4, commi 4 e 5 prevede l’erogazione di contributi per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati quali:

  • dispositivi o servizi, basati su moderne tecnologie, atti a compensare limitazioni funzionali sul piano motorio, visivo, uditivo, intellettivo e del linguaggio, facilitare l’autonomia e mettere in grado le persone disabili di esprimere al meglio le proprie potenzialità;
  • ausili destinati a sostenere le famiglie o il singolo soggetto disabile impegnati in progetti individualizzati di integrazione sociale, lavorativa o scolastica oppure di progetti per l’autonomia.

Possono presentare la domanda di contributo le persone in possesso di verbale di invalidità civile, con età compresa prioritariamente nella fascia 0-64 anni.

Sono esclusi dal contributo i seguenti strumenti/ausili:

  • sussidi didattici ottenibili in virtù di disposizioni in materia di diritto allo studio;
  • modifiche degli strumenti di guida dell’autoveicolo per le quali vi sono contributi ai sensi dell’art. 27 della Legge 104/92;
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati;
  • protesi e ausili ottenibili dall’INAIL per invalidi del lavoro.

Sono inoltre esclusi i seguenti strumenti: condizionatori, fotocamere, videocamere, telefoni cellulari, computer palmari, GPS, Hi FI, lettori DVD e VHS, televisori e altri elettrodomestici di uso comune.
Non possono essere finanziati strumenti per chi abbia usufruito nel triennio precedente di un finanziamento a carico della presente Legge.
Ogni domanda deve essere corredata, pena l’esclusione, di:

  • attestazione di invalidità civile;
  • preventivo o fattura dello strumento richiesto;
  • programma individualizzato, come da facsimile predisposto;
  • certificazione, rilasciata da medico specialista, che motivi la necessità dell’acquisizione dell’ausilio e la sua conformità al programma individualizzato.

Le domande saranno accolte fino al 15 ottobre.
La valutazione delle richieste e l’approvazione della graduatoria avverrà alla fine dell’anno.

Le domande, firmate dall’interessato o da un suo familiare, devono essere indirizzate a:
Comune di Milano
Settore Handicap e Salute Mentale – Servizio Handicap – Coordinamento Nuclei
Distrettuali Disabili
via San Tomaso 3 – 20100 Milano

e consegnate al Protocollo del Settore (lunedì/venerdì 9.00/12.00 – 14.00/15.00) o inviate con raccomandata ricevuta ritorno.

Per informazioni e assistenza è possibile telefonare al numero
02/ 884.64483 – Fax 02/884.67365

Contributi per vacanze
Il contributo, a copertura dei costi dei soggiorni estivi, ha la finalità di offrire ai disabili occasioni di vacanza. Per tali interventi viene definito uno stanziamento annuo deciso annualmente.
Possono chiedere il contributo le persone con invalidità civile certificata superiore al 45%, con età dai 18 ai 60 anni e con l’impossibilità di effettuare soggiorni al di fuori della famiglia senza il supporto di una organizzazione; il reddito del nucleo familiare, al netto delle imposte, deve essere inferiore a quanto stabilito annualmente.

Documenti necessari da allegare alla richiesta:

  • autocertificazione dei redditi del nucleo familiare
  • fotocopia verbale di invalidità civile

Per il ritiro dei moduli e per ulteriori informazioni rivolgersi al:
Comune di Milano
Settore Handicap e Salute Mentale
Coordinamento Nuclei Distrettuali Disabili
via San Tomaso, 3
Tel. 02 884.64483 – dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.00

Per la consegna delle domande:
Comune di Milano
Direzione Centrale Salute
Ufficio Protocollo via San Tomaso, 3
Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00/12.00 – 14.00/15.00

Per ulteriori informazioni: www.comune.milano.it