Corpi civili di pace, entro l’anno i primi 300 giovani in missione

volontari

Entro la fine dell’anno sarà avviato il primo contingente dei nuovi Corpi civili di pace di 300 volontari. Il decreto ministeriale attuativo dell’articolo 1 comma 253 della legge di Stabilità è stato firmato venerdì 30 gennaio dai ministri del Lavoro e degli Esteri Giuliano Poletti e Paolo Gentiloni.

A illustrarne il contenuto è stato però il sottosegretario alle Politiche sociali, Luigi Bobba: “La norma prevede l'istituzione in via sperimentale di un contingente di corpi civili di pace destinato alla formazione e alla sperimentazione di impiego di 500 giovani volontari, in azioni di pace non governative nelle aree di conflitto o a rischio di conflitto o in aree di emergenza ambientale". I Corpi civili di pace contano su una linea di finanziamento di 3 milioni di euro per ciascuno degli anni del triennio 2014-2016.

“È un esperimento di piccole dimensioni”, ha concluso Bobba – “ma ci attendiamo che si possa continuare ad allargare quella capacità politica per fare azioni di pace e di solidarietà, allargando gli strumenti che andranno via via consolidati nell'ambito del servizio civile”.

Ma chi sono i Ccp e quali i loro ambiti di intervento? Si tratta di persone che promuovono in modo imparziale la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona e all’educazione alla pace fra i popoli, al monitoraggio del rispetto dei diritti umani, al sostegno della popolazione civile.

“Il Governo”, ha aggiunto Poletti, “ha detto in termini molto chiari che pensiamo ad una azione molto forte di sviluppo della partecipazione attiva e responsabile dei cittadini alla propria comunità. Il nostro paese ha una forte vocazione, una forte cultura del volontariato, dell'associazionismo ma non può essere tutto lasciato solo ad una sorta di pronto soccorso”.

UILDM Milano guarda con attenzione e interesse a iniziative come quella dei corpi civili di pace, consapevole però che è dalla riforma del servizio civile (che diventerà servizio civile universale) e dalla capacità di fare leva nel volontariato, che potrà aspettarsi i maggiori apporti al proprio impegno sociale. (R.R.)  

(Fonte: Vita.it)

Corpi civili di pace, entro l’anno i primi 300 giovani in missione ultima modidfica: 2015-02-03T22:03:54+00:00 da Riky