Alleanza Fondazioni Bancarie-Terzo Settore per un nuovo welfare contro la crisi

Terzo Settore

Come uscire da anni di crisi, una crisi che ha colpito l’economia mondiale, che ha messo in evidenza i debiti degli stati nazionali e che, successivamente, si è trasformata in una decadenza dei finanziamenti pubblici? Guru della finanza, professori delle più prestigiose università nonché banche centrali, hanno cercato di dare risposte e soluzioni adeguate, di individuare exit strategies capaci di arrestare, o quanto meno frenare, la pesante situazione di declino.  Al momento, però, nessuna ricetta si è dimostrata particolarmente proficua.

Anche in Italia, dove la situazione di crisi rischia di avvitarsi in una spirale infinita e drammatica, sono stati molti gli attori del panorama politico ed economico che hanno dato il loro contributo per cercare di invertire il senso di marcia. I risultati, tuttavia, stentano ancora a vedersi. Sono colpite non solo le fasce più deboli e svantaggiate della popolazione ma anche le persone della cosiddetta “classe media”. Il settore più colpito è il tanto celebrato welfare state, posto dai governi europei come l’orgoglio della società occidentale, ciò che ci differenzia dal resto del mondo.

Ma ci sono altri portatori di interesse, nuovi attori, che hanno deciso di unirsi, di fare squadra per arginare lo stato attuale di crisi. Il 4 dicembre scorso è stato presentato a Roma un ambizioso progetto di rilancio del welfare italiano. Hanno aderito al manifesto programmatico dal titolo “Fiducia e nuove risorse per la crescita del Terzo Settore” diversi soggetti significativi della realtà economica e sociale del nostro Paese, che hanno deciso di sottoscrivere questo importante accordo: l’Acri (Associazione di fondazioni e di casse di risparmio), Fondazione Cariplo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparo, Fondazione con il Sud, Forum del Terzo Settore, Alleanza Cooperative Italiane e Banca Prossima.

Le parole chiave del manifesto sono fiducia, integrazione, sussidiarietà che evidenziano le solide basi dell’alleanza tra la finanza specializzata nel sostenere il non profit e il mondo della rappresentanza del Terzo Settore. L’indirizzo strategico emerso dall’accordo stipulato è che il modello del welfare statale centralizzato è oramai superato e inadeguato di fronte alla realtà e alle sfide future; deve essere sostituito con un welfare di comunità, in cui il binomio pubblico-privato sia il modello migliore da utilizzare.

Si è stabilito per i prossimi mesi, attraverso tavoli regionali di discussione, di proporre alcuni specifici cambiamenti alla legislazione attuale; ve ne segnaliamo alcuni:

1) agevolazioni fiscali più consistenti a chi opera nel non profit;

2) revisione della tassazione a fini ambientali, inserendo anche la dimensione sociale nel fare impresa;

3) promozione di una campagna sull’efficienza energetica;

4) emissione di obbligazioni per lo sviluppo e sostegno al non profit.

Il sito di riferimento dell’iniziativa è www.manifestoperilnonprofit.it 

Renato La Cara

Alleanza Fondazioni Bancarie-Terzo Settore per un nuovo welfare contro la crisi ultima modidfica: 2013-12-14T17:23:04+00:00 da Riky