Il 1° maggio e un lavoro per tutti: lettera aperta di Alberto Fontana

casa3.Fontana

Poniamo all’attenzione dei nostri lettori la lettera aperta che Alberto Fontana, presidente di LEDHA da pochi giorni (leggi qui il nostro articolo che ne parla) ha voluto subito porre all’attenzione, in occasione del Primo Maggio: "Occorre promuovere un'azione per il lavoro dedicata esclusivamente alle persone con disabilità".

Ci vuole coraggio per festeggiare il lavoro e i lavoratori oggi in Italia. Un coraggio che diventa temerarietà quando si parla di persone con disabilità. I dati parlano chiaro: il lavoro rimane uno degli ambiti dove più è forte la discriminazione delle persone con disabilità ma anche uno di quelli dove si “potrebbe fare di più” e soprattutto “meglio”. Nonostante in Italia sia in vigore una buona legge nazionale, nonostante in Lombardia siano presenti e attivi servizi a sostegno dell'inserimento dei lavoratori con disabilità, nonostante le risorse dedicate al finanziamento di queste politiche non siano diminuite, la situazione rimane difficile.

Solo in Regione Lombardia ci sono oltre 61mila persone con disabilità iscritte al “Collocamento mirato”, in attesa di un'opportunità (rilevazione ISFOL). Nel corso del 2014, il loro numero è ulteriormente aumentato di altre 15.272 unità (+ 5,7%). A livello nazionale sono quasi 680mila gli iscritti al collocamento, ma solo 18mila gli avviamenti lavorativi registrati nell'ultimo anno. A tutto questo, si aggiunga il fatto che le aziende in obbligo di assunzione preferiscono ancora oggi pagare le sanzioni previste dalla legge pur di non assumere persone con disabilità: solo in Lombardia, la Regione dove noi come LEDHA – Lega per i diritti delle persone con disabilità operiamo, l'importo complessivo di questa sanzioni ammonta a circa 40 milioni di euro.

Tale situazione comporta, da un lato, l’impossibilità di riconoscere un diritto costituzionale e dall'altro determina un aggravio dei costi sostenuti dalla pubblica amministrazione in campo assistenziale. È quindi arrivato il momento di assumerci tutti nuove responsabilità e nuove forme di supporto all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità.

Career Forum Legge 104 lavoro e i disabiliCi piacerebbe la nascita di un movimento di opinione capace di influenzare il Governo Renzi per promuovere un'azione per il lavoro dedicata esclusivamente alle persone con disabilità. Una riforma che, oltre ad ristrutturare ed organizzare compiutamente i sistemi di incentivi alle imprese, approfondisca, riformi e compiutamente metta a sistema le normative della legge 68/99, della legge 381/91 e dell’art.14 del decr. leg. 276/2003 che attualmente disciplinano la materia.

Una riforma di questo tipo è urgente ora più che mai. Questo tipo di occupazione, infatti, oggi presenta un’area più ampia rispetto al passato. La fragilità è infatti oggi trasversale, dalle persone con disabilità tradizionalmente intese, quindi con disabilità differenti sin dalla nascita o dai primissimi anni di vita, sino a coloro che entrano in una fase di difficoltà nel corso della vita, a seguito a incidenti o malattie, anche con percentuali di invalidità che non comportano invalidità al lavoro, oltre a tutte le persone già previste dal regolamento CE n.2204/2002 come i disoccupati di lunga durata o lavoratori privi di titolo di studio che abbiano compiuto 50 anni.

Non bisogna poi dimenticare che il numero di studenti con disabilità iscritti all'università è cresciuto in maniera significativa negli ultimi dieci anni: passando dai 4.816 dell'anno accademico 2000-2001 ai 14.171 del 2010-2011.

Le iniziative promosse a livello territoriale e le diverse iniziative regionali, oggi mostrano tutta la loro fragilità: i risultati sono sotto le aspettative e comunque gli interventi, che in alcuni casi portano a buoni risultati per le persone coinvolte, non appaiono in grado di affrontare alla radice la situazione di discriminazione e di esclusione dal mondo del lavoro di cui sono vittime le persone con disabilità nel nostro Paese.

Oggi è il momento di osare ancora di più, mettendo nelle giuste condizioni tutti i soggetti coinvolti ad attuare piani programmati di inserimento lavorativo che sappiano proporre contesti favorevoli all’interno delle aziende e di sviluppo personale per la persona fragile. Il Primo Maggio sia quest’anno un’occasione di rilancio per tutti, come si legge nei documenti delle origini, lavoriamo insieme “per affermare i propri diritti e per migliorare la propria condizione, senza barriere culturali, né tanto meno sociali”. Siamo un grande Paese e non dobbiamo dimenticare le persone più deboli della nostra società, ricordandoci cosa ha detto Papa Francesco lo scorso 28 febbraio 2015: “La gente al centro, i più bisognosi al centro!”.

Alberto Fontana

(Fonte: sito LEDHA)

Il 1° maggio e un lavoro per tutti: lettera aperta di Alberto Fontana ultima modidfica: 2015-05-05T21:49:04+00:00 da Riky