Ricerca: nuova “casa” per il TIGEM

Ricerca TIGEM telethon Sanità

L’Istituto Telethon di Genetica e Medicina, nato nel 1994 a Milano e trasferitosi a Napoli nel 2000, si sposta ora a Pozzuoli nell’edificio che fu un tempo la sede campana della Olivetti.

«…di fronte al Golfo più singolare del mondo, questa fabbrica si è elevata, nell’idea dell’architetto, in rispetto della bellezza dei luoghi e affinché la bellezza fosse di conforto nel lavoro di ogni giorno. La fabbrica fu quindi concepita alla misura dell’uomo, perché questi trovasse nel suo ordinato posto di lavoro uno strumento di riscatto e non un congegno di sofferenza».

Sono queste le parole pronunciate da Adriano Olivetti nel 1955, durante l’inaugurazione del nuovo stabilimento della società Olivetti a Pozzuoli, il cui progetto era stato affidato all’architetto napoletano Luigi Cosenza. Cosa ne sarà ora di quell’edificio?

Ebbene, da giovedì 5 dicembre quella struttura, inaugurata quasi sessant’anni fa, è tornata a prendere vita, nel senso più profondo. Sarà, infatti, proprio lo storico complesso “ex Olivetti” di Pozzuoli a ospitare in futuro il TIGEM, l’Istituto Telethon di Genetica e Medicina che fino ad ora occupava alcuni locali del CNR di Napoli. Il progetto è stato presentato all’Accademia Aeronautica di Pozzuoli alla presenza del direttore scientifico dell’Istituto, Andrea Ballabio, ricercatore di fama internazionale che nel 1994 ha partecipato e contribuito alla nascita del TIGEM. L’invito è stato esteso anche al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, da sempre vicino ai successi dell’Istituto Telethon di Genetica e Medicina, fortemente voluto da Susanna Agnelli alla quale sarà dedicato, appunto, il complesso “ex Olivetti”.

Anche la UILDM ha partecipato all’importante evento, rappresentata dal presidente nazionale Luigi Querini e da alcuni referenti locali dell’Associazione.

Grazie a recenti finanziamenti e a investimenti importanti è stato possibile avviare la realizzazione di questa nuova sede che avrà laboratori e spazi più grandi – in grado di ospitare un numero di ricercatori in continua crescita – per arrivare, così, a nuove terapie contro le malattie rare.

Da notare che una parte della nuova sede era già pronta in occasione della presentazione del progetto il 5 dicembre, tuttavia – spiegava Ballabio prima dell’evento – i tempi di consegna di tutta l’opera saranno brevi. L’inaugurazione è prevista a marzo. Vogliamo far vedere al mondo cosa è stato possibile realizzare con i fondi donati dagli italiani. Infine, tengo a sottolineare il forte sostegno che abbiamo trovato nella città di Pozzuoli e nel suo sindaco Vincenzo Figliolia, che ci hanno accolto con grande entusiasmo».

Alla luce dello storico sodalizio UILDM-Telethon, caratterizzato dalla missione comune della lotta contro le malattie genetiche, non possiamo che essere entusiasti di questo progetto e dell’anima che lo contraddistinguerà in ogni sua attività. La stessa, tenace e combattiva, che era tipica della figura di Adriano Olivetti, il quale sosteneva con forza, ma soprattutto passione, «che la nostra società crede nei valori spirituali, nei valori della scienza, nei valori dell’arte, nei valori della cultura, ma soprattutto nell’uomo e nella sua possibilità di elevazione e riscatto».

(Fonte: sito nazionale UILDM www.uildm.org)

Ricerca: nuova “casa” per il TIGEM ultima modidfica: 2013-12-20T11:58:20+00:00 da Riky