Censis, giovani: motivati, altruisti e pronti ad aiutare chi ha bisogno

censis

Individualismo, egoismo e competizione sembrano superati da socialità, volontariato e condivisione. Ecco i risultati dell’ultima ricerca del Censis (Centro Studi Investimenti Sociali) dal titolo “I valori degli italiani 2013, il ritorno del pendolo”, presentata a Roma ad inizio novembre.

Giulio De Rita, ricercatore del celebre centro studi che analizza le dinamiche sociali del nostro Paese, spiega perché questo titolo e perché è stata scelta l’immagine del pendolo. “I numeri che abbiamo analizzato ci dicono che la crisi antropologica ha consumato il suo slancio. Ma questo non vuol dire che passività sociale, irresponsabilità e materialismo egoistico stanno scomparendo. Anzi, sono al loro punto massimo, ma mostrano di non avere più la forza necessaria per andare avanti. Le energie per una inversione di rotta ci sono tutte, ma si tratta di energie potenziali, ancora inespresse”.

Tocca anche ad associazioni come la nostra, poter dare risposte concrete al desiderio di essere cittadini attivi, darsi da fare per il prossimo, sviluppare percorsi di volontariato nel sociale. In particolare, la situazione dei giovani tra i 18 ei 24 anni è una fotografia positiva e piena di buone prospettive.

Afferma il Censis che “i ragazzi di quella fascia d’età sono coscienti di ciò che li circonda e, comprensibilmente, sono preoccupati; d’altro canto, non sono disperati e appaiono vitali e con tanta voglia di fare”.  Sono consapevoli e con migliori profili valoriali, ma con scarsi punti di aggregazione e subiscono le inadeguate politiche che rilancino il sociale, un esempio su tutti il Servizio Civile Nazionale da anni in crisi di investimenti.

Quello che più ci interessa anche come associazione che desidera attrarre nuovi volontari, sono i dati della ricerca, rivelatisi piuttosto confortanti e molto diversi rispetto al pensiero comune, contagiato fortemente dai mezzi d’informazione generalisti.

Qualcosa sta cambiando? Difficile a dirsi, ma i risultati del Censis devono essere per noi importanti spunti di riflessione. Infatti, il 40% degli italiani si dice ben disposta ad andare a trovare persone ammalate, dimostrando una forte solidarietà di base; il 36% è pronto a dare la propria disponibilità in caso di calamità naturali; il 29% vorrebbe aiutare il prossimo in difficoltà. Non sono cifre da sottovalutare, anzi.

Certamente bisogna cogliere questo desiderio di solidarietà e con questo obiettivo, stiamo lavorando per migliorare la nostra organizzazione nella ricerca di volontari e per implementare le attività del Tempo Libero e del Gruppo Giovani.

Renato La Cara

Censis, giovani: motivati, altruisti e pronti ad aiutare chi ha bisogno ultima modidfica: 2013-11-27T18:55:50+00:00 da Riky